Perfezionare la scrittura

CORSI AVANZATI

Sede dei corsi avanzati con un minimo di 4 partecipanti

frequenza: settimanale
giorni e orari: giovedì ore 18.00-20.00
partecipanti: minimo 4

Sede dei corsi avanzati individuali: Via Capo Zafferano 19 – Ostia Lido
giorni e orari: sabato/domenica ore 10.00-13.00/ 14.30-17.30

 

A)  La revisione di un  testo narrativo (8 ore in 4 incontri)

Uno dei passaggi più delicati nella genesi di un’opera è proprio il momento in cui si è completato il lavoro. Scrivere la parola FINE significa in effetti approdare a un nuovo INIZIO: riprendere in mano il lavoro per individuarne i punti ‘deboli’ e operare quelle necessarie  modifiche, che porteranno a sicuri miglioramenti.
Il corso ha lo scopo di coadiuvare l’autore indicandogli le strategie per
– acquisire un atteggiamento da ‘lettore esterno’ necessario alla individuazione dei problemi che l’opera completata può presentare
–  individuarne gli aspetti che possono e/o devono essere modificati.
Acquisire tali strumenti di critica è senz’altro funzionale alla valorizzazione dell’opera nel suo complesso.

In quest’ottica, il corso privilegia  problematiche relative a:

1. Equilibrio e punto di vista
2. Intreccio e struttura
3. Lingua e stile

 

B) Il Ritmo della Narrazione
( 8 ore in 4 incontri)

Una scrittura accurata, ma piatta e monocorde, può rendere faticosa (se non addirittura noiosa) la lettura. Questo  corso, attraverso le lezioni teoriche e le letture di testi classici della narrativa, intende proporre le  strategie più opportune per dosare il ritmo della narrazione al fine di renderlo e mantenerlo sempre vivo, interessante e coinvolgente.

Programma:

1. Cosa si intende per ritmo narrativo
2. Suspence e sorpresa: una definizione
3. Saper opportunamente dosare.suspence e sorpresa nella narrazione.
4. lmportanza dell’uso della punteggiatura per conferire ritmo alla narrazione
5. Uso corretto della punteggiatura
6. Conferire ritmo alla narrazione attraverso il dialogo.
7. Lettura di brani di autori ‘classici’: Gustave Flaubert, Giovanni Verga, Luigi Pirandello, Ernest Hemingway, Dino Buzzati.

 

C) Strutturazione dei dialoghi nelle opere di  narrativa
( 12 ore in 6 incontri)

Corso teorico-pratico in cui, a partire dai lavori prodotti dai partecipanti, viene privilegiata l’attività di laboratorio di scrittura  per
– acquisire la capacità di strutturare adeguatamente i dialoghi
– conferire ritmo alla narrazione attraverso l’uso del dialogo
Il corso si articola in incontri di 2 ore ciascuno   in cui si forniranno indicazioni teoriche e si proporranno esercitazioni pratiche e attività di laboratorio sui seguenti argomenti:

1. Tecniche e strategie per riprodurre il linguaggio parlato
2. Come e quando dare la parola ai personaggi.
3. Mettere in scena la narrazione
4. Definire nel dialogo il tono e l’espressione
5. Pagine esemplari di alcuni grandi autori: Gustave Flaubert, Giovanni Verga, Ernest Hemingway, Luigi Pirandello, Dino Buzzati.

 

D) Il monologo interiore (10 ore in 5 incontri)

Scrivere è lavoro arduo e appassionante, significa  mettersi continuamente alla prova e lanciare sfide alle proprie capacità. Chi scrive deve quindi  essere costantemente proiettato verso la ricerca di strade e modalità nuove del narrare.
Innumerevoli sono i problemi che ne derivano. Ma ce n’è uno particolarmente ricorrente: la ricerca del modo più idoneo ed efficace per riportare in maniera diretta  e credibile pensieri e stati d’animo dei personaggi senza dover ricorrere al buon “vecchio” narratore onnisciente o all’io narrante.Tecniche tradizionali che fanno mordere il freno  a ciò che è insito  in ogni personaggio: quel magma interiore che sembra scalpitare nell’attesa di essere espresso con modalità inaspettate e innovative.
E’ necessario allora avvalersi di una tecnica  che possa  venire in aiuto a chi avverte l’esigenza – e la responsabilità – di compiere una scelta  così impegnativa.
Scelta  che può essere adeguatamente coadiuvata dal percorso che si propone:   la conoscenza, l’analisi e l’utilizzazione del monologo interiore.
Programma:

1. Il monologo interiore: un tentativo di definizione
2. Il monologo psicologico
3. Il monologo drammatico
4. Il monologo intimo
5. Le ‘origini’ del monologo interiore
6. I precedenti
7. I rapporti con il simbolismo e la sua poetica
8. Da “I lauri senza fronde” di E.Dujardin a “Ulisse” di J.Joyce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *