I LANDAYS

I landays di Maria Grazia Greco

 

 

III millennio

brucia ancora in segreto

la brace di roghi mai estinti di streghe

 

Lapidata

furia di pietre al tramonto

le ali spezzate nella luce che muore

 

Ancora lapidata

pietra aguzza che uccide

oltraggio supremo della carne violata

 

Infibulazione

cadono le ciocche recise

lacrime cieche di bambine indifese

 

– Burka

occhi  nascosti alla luce

come sorriso spento  di vita negata

 

Violenza

amore come  filo d’erba

nato in silenzio  poi fiore calpestato

 

Illusioni perdute

fremito di  aria vitale

silenzio che resta di volo abbattuto

 

Ancora dolore

lacrime vive trasparenti

ingiuria perenne di scandalo antico

 

Donna

gazza ladra rubo la vita

catturo la mia gioia di essere donna

 

– Senza luce

io vivo ne gli sguardi spenti

delle  illusioni annegate nel sangue

 

Rinascita

crisalide viva di luce

farfalla che  nasce di nuovo alla vita

 

– Partigiana

prendo di nuovo il fucile

ancora una volta a Porta San Paolo

 

Partigiane sempre

nemici in marcia trionfale

e noi oggi come prima a combattere

 

Libera

un raggio di luce nel chiuso

pensiero d’amore che non  sa la prigione

 

Muta

silenzio di  fiore strappato

ronzìo senza voce di un’ape che muore

 

 

                           SENZA TITOLO

 

– rosa audace solitaria

il rosso vivo di un balcone nel sole

 

 

 – il mio pensiero come oro

non potrete mai  attenuarne il bagliore

 

 

– non spezzerete la mia tela

in silenzio di ragno filo ostinata

 

 

 scaraventata giù a terra

pestata svilita dannata mai imbelle

 

 

 – ali arse nel focolare

ma io non ho paura di spiccare il volo

 

 

 – lo schianto di ali spezzate

occhi che guardano indomiti al cielo

 

 

 – schiaffone sonoro pesante

non mi troverai al tuo ritorno domani

 

 

 –  ammazzata eppure viva

tengo desto il tuo rimorso nella notte

 

 

 – non subirò passiva l’offesa

morderò muta il sangue delle tue mani

 

 

– ma non sentirai le mie grida

sono agnello che morde chi  lo uccide

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *