Editing

Spesso uno scrittore s’innamora di ciò che scrive e questo amore gli impedisce di vedere gli errori e le imperfezioni che commette. Molto più spesso di quanto non si creda, un romanzo  può presentare    punti che a vario titolo mostrano qualche difficoltà, sotto il profilo espressivo e contenutistico. Punti ‘deboli’ che devono essere individuati e su cui è necessario effettuare opportuni   interventi di affinamento dell’espressione, di revisione linguistica, di editing per ristrutturare opportunamente ciò che può essere espresso in modo più idoneo ed efficace.
Questo tipo di ausilio agli autori  svolge un ruolo di primaria importanza tra le attività di consulenza letteraria che Mondolibro propone.
Le modalità di un lavoro di questo genere  sono svariate: dal supporto che si può fornire in fase di work in progress agli incontri individuali per una lettura  ragionata dei testi; dall’editing leggero all’editing strutturale fino alla riscrittura

Proprio l’editing occupa un posto di primo piano tra le attività di consulenza letteraria proposte da Mondolibro. In generale, si intende per editing l’intervento sul testo inteso  principalmente come aiuto professionale fornito all’autore per consentirgli di   correggere ciò che l’autore stesso non è stato in grado di esprimere al meglio.
Un primo livello di editing è quello che, ancora senza interventi diretti sulla scrittura, avviene attraverso una serie di consigli sullo sviluppo della trama, sulla revisione dell’incipit o del finale, sull’eliminazione o l’ampliamento di alcuni passaggi. Questo tipo di lavoro si svolge attraverso incontri con gli autori per una  lettura ragionata del testo

Un secondo livello è quello dell’editing leggero, che consiste nell’individuazione e/o modificazione   di tutto ciò che compromette la scorrevolezza del testo. Può capitare infatti di ripetere verbi, aggettivi o addirittura concetti anche a breve distanza, di non rilevare cacofonie, di esprimersi in modo involuto. L’autore può leggere e rileggere ma l’errore continua a sfuggirgli. L’editing leggero è funzionale a ovviare  proprio a questo tipo di inconvenienti  e si realizza attraverso un intervento ridotto in cui si operano piccoli ma significativi spostamenti, tagli, sistemazione  della punteggiatura ma anche  modificazione della struttura sintattica per conferire ritmo narrativo al testo.

L’editing strutturale  è invece un intervento più consistente che di fatto si concretizza  in una  vera e propria rielaborazione del romanzo attraverso interventi  sulla trama o sui dialoghi non efficaci o poco credibili, ma anche –se necessario-   rielaborando intere frasi o porzioni di testo

La riscrittura vera e propria è di fatto  un intervento corposo che si attua nei casi in cui a una trama interessante fa riscontro una forma non appropriata. Pur mantenendo la struttura di massima del testo narrativo, l’intervento di riscrittura può anche arrivare a riformularlo completamente sotto il profilo espressivo.